BOLLITA O ALLA GRIGLIA LA PANNOCCHIA FA BENE

5 anno fa di in Street food Tagged: , , , , , , , ,

mais arrostitoQuando Cristoforo Colombo arrivò a Hispaniola, nelle Antille, la prima colonia del Nuovo mondo, tra il 1492 e il 1493, gli indigeni Arahuaco già consumavano pannocchie bollite o arrostite. Da allora quello che è considerato il più antico street food, ha colonizzato tutto il mondo, divenendo uno dei cibi più consumati. Gli americani sono ghiotti della famosa “Corn on the cob” o boil corn, la pannocchia bollita, ma anche nel nostro Paese in questo periodo non è difficile trovar per strada venditori ambulanti di pannocchie o veder persone passeggiare sgranocchiandole. Negli USA da secoli la mangiano con burro, anche se negli ultimi decenni si è diffusa la consuetudine di condirle con maionese, ketchup o senape.

Anche in Italia le pannocchie bollite o arrostiste sono uno street food molto diffuso, dalla Liguria, dove arrivarono portate da Colombo, al Piemonte, dalla Lombardia, alla Campania, fino in Sicilia e Puglia. Generalmente si trovano ai mercati, dove tra i banchi di frutta e verdura ci sono i venditori di pannocchie, ma in molte città italiane, come nei piccoli paesi, ci sono ambulanti che le propongono cucinate al momento. A Genova, ad esempio, le vendono al cartoccio con il burro, proprio come a New York, o nella versione gourmet, con prezzemolo e limone. A Napoli va forte quella arrostita, su braci improvvisate affiancate a grandi pentole di alluminio in cui si cucinano quelle bollite. Ad Antillo, in provincia di Messina, l’11 e 12 agosto si svolge la caratteristica Sagra del Granturco dove le pannocchie, ma anche il mais, sono protagoniste.

 

Mangiarle fa bene

Grilled corn cobs on table, close-upLa pannocchia è un modo alternativo di mangiare mais, ormai presente trasversalmente nella cucina, che accomuna l’alimentazione di tutto il mondo. Durante l’anno, infatti, lo consumiamo bollito a chicchi, e poi condito nei modi più diversi, tostato, ma anche sulla pizza, senza parlare dei prodotti da forno a base di mais, dal pane alle merendine. Ma in questo periodo gustarsi e sgranocchiare una bella pannocchia, magari in compagnia, non solo è piacevole ma fa anche bene!

Ricco di fibre, vitamine e antiossidanti, il mais, infatti, contiene anche minerali fondamentali per il funzionamento dell’organismo come il potassio e il magnesio. Non contiene glutine e quindi va benissimo anche per i celiaci. Contiene, invece, ben 2 grammi di fibre per ogni 100 grammi di prodotto (pressappoco il peso di una pannocchia) e dunque è molto utile per combattere la stitichezza e favorisce l’assorbimento del colesterolo cattivo, l’LDL.

 

Curiosità

Nella cucina Usa il mais rappresenta un alimento fondamentale e le pannocchie compaiono in tanti film e cartoni animati, come i classici Looney Tunes. In molti buffet allestiti per feste private o rinfreschi di eventi è immancabile la loro presenza, spesso presentate sottoforma di spiedini.

 

Lascia un commento