DAGLI USA LA DIETA A BASSO IMPATTO CHE FA BENE ALL’ORGANISMO E ALL’AMBIENTE

2 anno fa di in Buoni&Bravi Tagged: , , , , , ,

Frutta e verduraNociPesce

Frutta e verdura, cereali integrali, legumi e noci, pochi zuccheri raffinati e un moderato consumo di alcol. Seguire una dieta di questo tipo non fa bene soltanto all’organismo, ma anche all’ambiente. A confermarlo un team di consulenti del Governo degli Stati Uniti – formato da medici ed esperti di nutrizione – nelle nuove Linee guida per l’alimentazione, appena pubblicate sul sito www.health.gov/dietaryguidelines/2015.asp. Dal 1980, negli USA, ogni cinque anni l’Office of Disease Prevention and Health Promotion emana indicazioni per incoraggiare i cittadini a mettere nel piatto alimenti poveri di grassi, allo scopo di mantenere un peso corretto e di prevenire le patologie croniche. Per la prima volta gli specialisti strizzano l’occhio alla sostenibilità, fornendo istruzioni per un regime dietetico a “basso impatto ambientale”.

Le linee guida consigliano di limitare la carne rossa, gli alcolici, i dolci, le bevande zuccherate, le farine e i cereali raffinati, privilegiando i prodotti della terra, il riso, la pasta e il pane integrali. Ammessi il pesce e i latticini: i formaggi, in particolare, vanno mangiati con moderazione e preferendo quelli a ridotto contenuto calorico.

Come si traducono queste scelte in termini di rispetto per l’ecosistema? La produzione di un alimento produce un impatto sul territorio, un’alterazione generalmente intesa in termini negativi: la carne rossa ha un impatto elevato, dal momento che gli allevamenti intensivi richiedono grosse quantità di cibo per il sostentamento del bestiame e generano grosse quantità di scarti da smaltire. In altre parole, inquinano. Al contrario, frutta e verdura a km zero, che non necessitano di lunghi viaggi per arrivare da un Paese all’altro, e coltivati senza l’uso di pesticidi dannosi, hanno un impatto contenuto.

 

La doppia piramide del Barilla Center for Food and Nutrition
www.barillacfn.com

www.barillacfn.com

Le indicazioni del Governo USA confermano gli studi del Barilla Center for Food and Nutrition, che per spiegare il rapporto tra il cibo e la sua influenza sull’ecosistema ha elaborato la “Doppia piramide alimentare-ambientale”.

Lo staff del centro di ricerca ha misurato l’impatto dei prodotti presenti nella piramide alimentare mediterranea – costituita da una base di frutta e verdura, seguite da pane, pasta e cereali, dall’olio extravergine d’oliva, da latte e da latticini, da pesce e uova, terminando con la carne rossa al vertice; ha poi disposto i cibi su una piramide capovolta, ponendo quelli meno inquinanti alla base. Accostando le due figure “si nota intuitivamente che gli alimenti per i quali è consigliato un consumo maggiore generalmente sono anche quelli che determinano gli impatti ambientali minori” e che il modello nutrizionale mediterraneo, oltre ad essere equilibrato e sano, è il più sostenibile.

Per il consumatore attento al benessere personale e a quello dell’ambiente, sul sito www.barillacfn.com è disponibile la lista degli alimenti con l’impatto calcolato in metri quadrati; è inoltre possibile verificare se le proprie scelte quotidiane siano o meno responsabili, selezionando i cibi consumati nei cinque pasti quotidiani attraverso un’apposita applicazione.

 

I consigli di Coldiretti per una spesa amica dell’ambiente

Al supermercato e nei negozi sotto casa, quando scegliamo i prodotti da mettere nel carrello, noi consumatori contribuiamo in maniera determinante ad aiutare o, al contrario, a danneggiare ulteriormente il pianeta. Ecco perché Coldiretti qualche mese fa ha diffuso una guida alla spesa responsabile, fondata su dieci pratici consigli:

1. Preferire l’acquisto di prodotti locali che non devono subire lunghi trasporti con mezzi inquinanti;

2. Scegliere frutta e verdura di stagione che non consumano energia per la conservazione;

3. Ridurre le intermediazioni fino a fare acquisti direttamente dal produttore, per evitare passaggi di mano del prodotto che spesso significano inutili trasporti;

4. Privilegiare i prodotti sfusi che non consumano imballaggi come i distributori automatici di latte;

5. Acquistare confezioni formato famiglia rispetto a quelle monodose per ridurre il consumo di imballaggi per quantità di cibo consumato;

6. Fare acquisti di gruppo (anche in condominio) per ridurre i consumi di energia nei trasporti per fare la spesa;

7. Riutilizzare le borse della spesa e servirsi di quelle fatte con materiali biodegradabili di origine agricola nazionale o di tela invece di quelle in plastica;

8. Ottimizzare l’energia consumata nella preparazione e conservazione dei cibi con pentole e frigoriferi a basso impatto;

9. Ridurre gli sprechi ottimizzando gli acquisti e riscoprendo la cucina degli avanzi per evitare che finiscano tra i rifiuti;

10. Fare la raccolta differenziata per consentire il recupero di energia dai rifiuti prodotti.

Lascia un commento