“È IMPORTANTE EDUCARE I BAMBINI AL GUSTO”

2 anno fa di in Virgolettati

cucina del cuore copertina“I ragazzi non hanno mai provato il gusto delle patate tagliate a mano, fritte e insaporite da erbe aromatiche e magari ripassate in forno con del pane grattugiato, arreganate, come dicevano i nostri nonni. Sono figli, ma anche vittime, di un mondo bombardato da messaggi pubblicitari in cui si privilegia l’aspetto consumistico e la rapidità della preparazione rispetto alla qualità di piatti e ingredienti”E’ quanto sostiene Alfonso Iaccarino nel libro “La cucina del cuore” (Mondadori, 2010). Tra i più famosi chef internazionale, Don Alfonso, com’è conosciuto e chiamato nel mondo della ristorazione, è uno dei grandi testimonial della Dieta Mediterranea.

E’ importante educare i bambini al gusto e ai piaceri della tavola, nel rispetto di abitudini salutari che possano accompagnarli nella vita e tenerli lontani da problemi come l’ispessimento delle arterie, dovuto al colesterolo, e di sovrappeso, entrambi nemici del cuore”. Alfonso Iaccarino con la moglie Livia e i figli Ernesto, che ha seguito le sue orme in cucina, e Mario, ha sempre creduto nel binomio cucina e benessere, soprattutto dei più piccoli. “Mi sono sempre impegnato in programmi di educazione dei ragazzi organizzando con il sostegno degli enti locali e di tanti imprenditori e colleghi volenterosi, dei percorsi educativi per gli studenti delle scuole medie. E’ una gioia vedere come i ragazzi entrino con curiosità in un mondo a loro nuovo e comincino a usare con disinvoltura vocaboli sconosciuti per descrivere le varie declinizioni. Il fruttato, l’amaro, il piccante: saper distinguere le diverse qualità e toni dell’olio li avvia alla scoperta di un’alimentazione sana e di qualità”.

La cucina del suo ristorante, il Don Alfonso 1890, nasce dalla sfida di fare grande ristorazione nell’Italia del Sud impiegando le materie prime del luogo e principalmente l’olio extravergine di oliva. Il legame della cucina con il loro territorio si rafforza dal 1990 con la produzione propria di frutta, verdura e ortaggi coltivati nell’Azienda Agricola “Le Peracciole”, che sorge sul promontorio di Punta Campanella, un modo per disporre sempre di materie prime autentiche e genuine.

Già tre stelle Michelin, Don Alfonso rilancia la cucina napoletana nel mondo partendo dagli spaghetti al pomodoro, uno dei piatti simbolo della tradizione italiana.

Ed è proprio la qualità la cifra che ha contraddistinto sempre la cucina del Don Alfonso negli anni. La qualità richiede tempi meno immediati. Ma è un tempo dedicato alla salute, valido e fondamentale al pari di quello che si trova per altre attività come la palestra. Un cucchiaio di olio d’oliva sano è un viatico di salute, non un lusso, e gli effetti benefici si misurano negli anni, così come un’alimentazione disordinata o poco attenta alla qualità produce effetti collaterali sull’organismo che prima o poi si faranno sentire.

Alfonso Iaccarino

alfonsothumb (1)Alla fine degli anni Sessanta Alfonso Iaccarino incontra Livia e la sposa. Nel 1980, i due decidono di dedicarsi completamente al Ristorante Don Alfonso 1890, lasciato in eredità dal nonno Alfonso Costanzo Iaccarino. È in questi anni che inizia la sfida: fare grande ristorazione nell’Italia del sud impiegando le materie prime del luogo e l’olio extravergine di oliva. Il legame con il loro territorio si rafforza con l’acquisto, nel 1990, dell’Azienda Agricola “Le Peracciole”, un modo per disporre sempre di materie prime autentiche e genuine. Nel 2006 termina l’ultima ristrutturazione totale del Don Alfonso 1890 che diventa un borgo con al suo interno anche un boutique hotel ed una magnifica scuola di cucina.

Lascia un commento