IL CARNEVALE ESTIVO DI ACQUASPARTA, TRA LE MASCHERE E I SAPORI DEL BOSCO

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

www.facebook.com/carnevale.acquasparta

www.facebook.com/carnevale.acquasparta

Carri allegorici e personaggi in costume che sfilano tra le stradine umbre in pieno agosto: ad Acquasparta, un piccolo borgo della provincia di Terni, il Carnevale si festeggia anche in estate. Dal 5 al 14 agosto la cittadina fa da cornice ad un lungo evento dedicato in particolare ai bambini, con le maschere ispirate ai personaggi del mondo dei fumetti e dei cartoon, ma che per i loro genitori può diventare l’occasione per un viaggio tra le bellezze e le specialità della bella regione.

La cucina ternana si caratterizza, come del resto quella di tutta l’Umbria, per i profumi del bosco, i sapori importanti della cacciagione, per i formaggi, la norcineria e per l’olio extravergine, l’oro verde, piacevolmente piccante, che dà il meglio di sé a crudo, sulle insalate, sugli arrosti di carne, sul pesce arrostito ma soprattutto sul pane bruscato sulla fiamma viva.

Un pranzo nelle trattorie di Acquasparta, Avigliano, Narni, Orvieto, non può che cominciare con un ricco antipasto di salumi e caci locali: la panciarista, tipica di Terni, un rotolo di carne suina con cuore di lombo e un rivestimento esterno di pancetta, insieme alle eccellenze provenienti dal resto della regione, come il rinomato Crudo di Norcia, dal sapore gentile, i salamini di daino e di cinghiale, il raveggiolo umbro, un formaggio fresco a pasta tenera ottenuto da latte di pecora o di capra, dal gusto dolce e delicato, e il pecorino Cenerino, chiamato così perché fatto stagionare per tre mesi sotto la cenere. Prelibatezze da accompagnare con il pane ‘sciocco’ di Terni, dalla forma di filone o di pagnotta, che si caratterizza per la crosta croccante e la mollica morbidissima.

Bruschetta con aglio e olio d'olivaciriole al pomodoro e basilicoTrote

Il primo più famoso della gastronomia di Terni sono le ‘ciriole’, una sorta di spesse tagliatelle senza uova – a Perugia conosciute come strozzapreti e a Spoleto come strangozzi –, che in estate vengono condite con un semplice sugo al pomodoro fresco, aglio, olio e peperoncino, mentre in autunno sono arricchite dai funghi porcini o dal tartufo. Accanto a questi compaiono i ‘picchiarelli’, grossi spaghetti tirati a mano, serviti con sugo piccante. Tra i secondi, oltre alla selvaggina – lepri, cinghiali, fagiani – troviamo il pesce di acqua dolce, più leggero e adatto alla stagione calda: i carbonaretti, i piccoli del pesce persico cotti sulla brace, e la trota, che in questa zona viene scaldata e condita con olio, sale e una spolverata del pregiato tartufo nero che cresce nei boschi umbri.

[/vc_column_text]

 

[vc_text_separator title=”Il Carnevale di mezza estate” title_align=”separator_align_center” width=”1/1″ el_position=”first last”]

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Dopo l’edizione invernale, che si tiene a febbraio, Acquasparta ad agosto ospita il Carnevale estivo, con la sfilata dei carri allegorici, vere e proprie sculture in creta sostenute da un’anima di ferro o legno, ricoperte di cartapesta e dipinte a mano dagli artigiani umbri. La dieci giorni prevede cene itineranti per le stradine della città, spettacoli di artisti di strada, un raduno di auto e moto d’epoca ed eventi per i bambini. Il calendario completo della manifestazione è disponibile all’indirizzo www.facebook.com/carnevale.acquasparta.

[/vc_column_text]

 

[vc_text_separator title=”Acquasparta” title_align=”separator_align_center” width=”1/1″ el_position=”first last”]

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Acquasparta - Palazzo CesiOrvieto, UmbriaCascata delle Marmore

Inserito dall’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) nel club dei “Borghi più belli d’Italia”, Acquasparta è un comune di poco meno di 5mila abitanti posto tra le sorgenti di Amerino e di Furapane, che deve il nome – ad acquas partas (“acque sparse”) – proprio all’abbondanza di acque del luogo. Da visitare Palazzo Cesi, appartenuto all’omonima famiglia che lo fece edificare nel XVII secolo su una rocca distrutta, con l’orto botanico annesso, che nel 1600 veniva utilizzato dai membri dell’Accademia dei Lincei per esperimenti scientifici, e la Fonte Amerino, con l’acqua di San Francesco, chiamata così perché secondo una leggenda il santo traeva beneficio da questa sorgente per la sua salute cagionevole.

Da Acquasparta si possono raggiungere facilmente il capoluogo, che dista 25 km, e la cittadina di Orvieto, famosa per l’imponente Duomo di origine gotica. È poi d’obbligo una tappa alla Cascata delle Marmore, la più alta d’Europa, che offre uno scenario naturale davvero mozzafiato.

[/vc_column_text]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *