IL SEGRETO DELLE FETTUCCINE ALL’ALFREDO

1 anno fa di in Passione in cucina, Storie&Racconti Tagged: , , , , , ,

Fettuccine AlfredoLe fettuccine con burro e parmigiano sono amatissime da adulti e bambini: grazie al loro sapore delicato e alla consistenza cremosa piacciono proprio a tutti e sono perfette per una ‘cena dell’ultimo minuto’, quando il tempo da trascorrere ai fornelli è poco o la dispensa è vuota, ma non si vuole rinunciare a qualcosa di appetitoso. Forse non tutti sanno che questa semplice e buonissima ricetta ha alle spalle oltre un secolo di storia e che – all’estero molto più che in Italia – è famosa con il nome di “Fettuccine all’Alfredo”.

Alfredo Di Lelio era il ristoratore capitolino che la preparò per la prima volta nel 1908, nella sua piccola trattoria di Piazza Rosa, vicino all’attuale Galleria Colonna, come gesto d’amore nei confronti della moglie Ines che aveva partorito il loro primogenito. Per invogliare la donna, che era indebolita dal parto e inappetente, a mangiare, il marito impastò una sfoglia sottile con uova e semolino, realizzando delle fettuccine che condì con abbondante burro e parmigiano freschissimi. Ines gradì a tal punto il piatto che suggerì al consorte di inserirlo nel menu del loro ristorante.

Nel 1914 il cuoco si trasferì da Piazza Rosa in Via della Scrofa e qui le ‘bionde’ – così chiamava le sue ‘creature’ – ottennero un successo inaspettato. Oggi, però, per gustare le fettuccine al burro i locali di riferimento a Roma sono due: quello ‘originale’ è il “Vero Alfredo” in Piazza Augusto Imperatore, inaugurato nel 1950 da Di Lelio – che vendette ad un nuovo proprietario il ristorante di Via della Scrofa – assieme al figlio Armando e attualmente gestito dai suoi nipoti. Nel vecchio locale di Via della Scrofa, invece, c’è “Alfredo alla Scrofa”, gestito dalla famiglia che lo acquistò negli anni Cinquanta dall’Alfredo ‘autentico’ e che decise di mantenere invariato il nome e il piatto forte del ristorante.

 

Il segreto è nel 'doppio burro'

Per portare a tavola un piatto di fettuccine all’Alfredo doc., il segreto sta nel mantecarle con il ‘doppio burro’: mentre la pasta cuoce, con il burro a temperatura ambiente e un po’ d’acqua di cottura si prepara una crema morbida e avvolgente, in cui si versano poi le fettuccine al dente. Si aggiunge infine altro burro e il formaggio grattugiato, mescolando fino a ottenere un condimento particolarmente ricco, completando a piacere con una spolverata di pepe e un pizzico di noce moscata.

 

Il piatto italiano più famoso negli USA

Se nel nostro Paese non sempre le fettuccine al burro vengono associate a colui che le ideò, oltreoceano sono considerate invece tra le principali specialità della cucina italiana. Il merito è di Douglas Fairbanks e Mary Pickford, due famosi attori del cinema muto che nel 1914, in viaggio di nozze a Roma, le mangiarono nel ristorante di Via della Scrofa e ne furono talmente entusiasti che portarono negli Stati Uniti la fama di questo piatto. Negli USA non c’è ristorante italiano che non le proponga nel menu, anche se della ricetta originale è rimasto ben poco: molti ristoratori aggiungono la panna, altri addirittura il sugo di pomodoro con le polpette o la Alfredo sauce, un condimento già pronto in cui compaiono talvolta aglio, uova, crema di latte. Nulla a che vedere, insomma, con la semplicità delle fettuccine al doppio burro. Per riportare alla luce le autentiche ‘bionde’, chiarendo finalmente qual è la loro vera ricetta, è appena nato il marchio Alfredo’s Gallery, registrato dai titolari del ristorante “Alfredo alla Scrofa” in diversi Paesi, dagli Stati Uniti al Brasile, dalla Russia agli Emirati Arabi.

 

La ricetta
Ingredienti per 4 persone

320 gr di fettuccine all’uovo
200 gr di burro morbido
200 gr di parmigiano grattugiato
Un pizzico di pepe e di noce moscata
Sale q.b.

Procedimento

Lessate le fettuccine in acqua bollente salata; in una ciotola mettete il burro e scioglietelo con un po’ d’acqua della pasta formando una crema. Lessate le fettuccine al dente e mantecatele nella salsa, unite il parmigiano e mescolate bene, aggiungendo il resto del burro e un altro po’ d’acqua di cottura se necessario. Completate con un pizzico di pepe e di noce moscata e servite subito.

Lascia un commento