LA FOCACCIA “CRESCENTE” DI BOLOGNA

2 anno fa di in Street food Tagged: , , , , , , , ,

Saporita, soffice, profumatissima, non ha nulla da invidiare a piadine, tigelle, gnocchi fritti e agli altri street food della ricchissima tradizione gastronomica dell’Emilia Romagna. La “Crescente” è un’antica focaccia di origine bolognese: impastata con farina, acqua, strutto – che le dona una morbidezza impareggiabile –, viene impreziosita con pezzetti di prosciutto crudo e pancetta. È chiamata anche “crescente con i ciccioli”, perché la cotenna del prosciutto, dopo essere stata cotta in forno, diventa particolarmente croccante somigliando proprio alla specialità ottenuta dalla lavorazione del grasso di maiale.

www.panperfocaccia.eu

www.panperfocaccia.eu

Due anni fa la sua ricetta è stata depositata alla Camera di Commercio di Bologna dall’Accademia Italiana della Cucina – impegnata dal 1953 per salvaguardare lo straordinario patrimonio culinario del nostro Paese –, così ora la schiacciata compare accanto ai tortellini in brodo, alle tagliatelle, al friggione – un sostanzioso contorno di cipolle bianche, strutto e pomodori pelati freschi – e alle lasagne verdi condite con besciamella e ragù.

La crescente è l’ideale da gustare come cibo di strada, comprandola appena sfornata dalle panetterie locali, che la vendono così com’è oppure la tagliano in due e la farciscono con gli eccellenti salumi di Bologna: la mortadella, naturalmente, ma anche il salame rosa, ottenuto da tagli di spalla e coscia che vengono cotti in forno, e la coppa di testa, ricavata dalla lingua, dalle cartilagini auricolari, dalle cotenne e dai ritagli di pancetta, lessati in un calderone con acqua e alloro.

La golosa focaccia nacque come piatto “di recupero” e pranzo povero dei fornai bolognesi, che la lavoravano con gli avanzi della pasta da pane – chiamata in dialetto carsent, termine che indica qualcosa “che cresce” –, a cui davano sostanza con lo strutto e il gambuccio, la parte finale del prosciutto crudo, considerata di scarto. Soltanto nel secondo dopoguerra, quando le condizioni di vita cominciarono a migliorare, la ricetta assunse le caratteristiche attuali e il gambuccio fu sostituito da salumi pregiati come il prosciutto crudo e la pancetta.

Nelle case bolognesi oggi viene preparata con diverse varianti, per esempio con l’aggiunta di ciccioli e lardo, oppure ricoprendo la superficie con aghi di rosmarino fresco, che le regala un irresistibile profumo. Da assaggiare la versione suggerita da Monica Cesari Sartoni e Alessandro Molinari Pradelli nel volume La cucina bolognese, fatta con un “pesto grossolano di lardo o pancetta, aglio e rosmarino” amalgamato all’impasto “in sostituzione della semplice pancetta o del prosciutto”.

 

La ricetta
Ingredienti per 6 persone

400 gr di farina
25 gr di lievito di birra
200 gr d’acqua
70 gr di strutto
150 gr di prosciutto crudo misto a pancetta
Un cucchiaino di zucchero, miele o malto d’orzo
Un pizzico di sale

Procedimento

Sciogliete il lievito con un po’ d’acqua tiepida e con lo zucchero (o il miele o il malto), che aiuterà la lievitazione; unite un po’ di farina ottenendo una pastella morbida, che farete riposare per circa un quarto d’ora.
Versate la farina a fontana sulla spianatoia, ponete al centro la pastella già preparata, lo strutto, un pizzico di sale e lavorate unendo gradualmente l’acqua. Lasciate lievitare l’impasto così ottenuto per due ore in un ambiente tiepido.
Trascorso il tempo necessario, riprendete il panetto e aggiungete il prosciutto e la pancetta a dadini. Trasferite l’impasto in una teglia oleata o cuocete la crescente in forno già caldo a 180-200 gradi per mezz’ora, o fino a quando la superficie avrà assunto un bel colore dorato. Gustatela tiepida.

Lascia un commento