LA MICOOULA VALDOSTANA, IL GOLOSO PANE NATALIZIO CON FICHI E CASTAGNE

2 anno fa di in Passione in cucina Tagged: , , , , , , , , ,

Hône, nella bassa Valle d’Aosta, è un paesino di poco più di 1.100 anime nella Valle di Champocher, circondato dalle montagne e dai boschi. Da secoli i suoi abitanti, a Natale, preparano la Micooula, una pagnotta piccola e scura ma prelibata, che dal giorno dell’Immacolata e per tutta la durata delle feste diventa immancabile nei forni e nelle case del borgo. È impastata con farina di segale – che le conferisce il caratteristico colore marrone – mista a quella di frumento, lievito madre, acqua e resa golosa da castagne lesse, fichi secchi, noci spezzettate, uva passa e scaglie di cioccolato fondente.

wikimedia.org

wikimedia.org

Inserita tra i Prodotti Agroalimentari Tradizionali della Valle d’Aosta, è una delizia che a Hône viene gustata in qualsiasi momento della giornata: a colazione, bagnata nel caffellatte, da sola oppure insieme ai pregiati mieli regionali (quello di millefiori, delicato e fruttato, o di castagno, più intenso e aromatico), nel pomeriggio, accanto a una cioccolata fumante o una tazza di tè, o a fine pasto con il caffè alla valdostana, aromatizzato con diversi liquori (grappa, punch all’arancia, Genepì) e chiodi di garofano. Molto raffinato l’abbinamento con i formaggi della tradizione locale, dalla celebre Fontina DOP, morbida e dolce, fino ai più decisi come il Fromadzo – anch’esso a marchio DOP –, leggermente salato, e la Toma di Gressoney, dal profumo muschiato.

La Micooula nacque come versione “ricca” dell’umile pane di segale, che in passato nelle zone montuose era molto più diffuso di quello di frumento, poiché la farina di segale resisteva meglio alle temperature rigide. Le massaie lo preparavano all’inizio dell’inverno, lo cuocevano nel forno a legna comunale e lo conservavano per l’intera stagione fredda, inzuppandolo nel latte, nelle minestre o nel brodo quando diventava raffermo. Per le festività natalizie lo rendevano più buono e particolare – micooula nel dialetto franco-provenzale  vuol dire proprio “pane un po’ più piccolo e un po’ speciale – aggiungendo castagne abbrustolite e l’uva nera del Vien de nus, un vitigno tutt’ora coltivato nei dintorni di Aosta. Col tempo l’uva fresca fu sostituita dall’uvetta sultanina, le castagne arrostite da quelle lesse e comparvero i fichi, le noci e il cioccolato.

Oggi c’è chi ammorbidisce l’impasto aggiungendo uova, zucchero e burro, trasformando la Micooula in un dolce vero e proprio, anche se la versione più diffusa e apprezzata rimane quella più semplice.

 

La Festa della Micooula

Alla Micooula è dedicata una festa che si svolge ogni anno a Hône durante il ponte dell’Immacolata. L’edizione 2015 è in programma nei pomeriggi del 4, 5 e 7 dicembre e l’8 dicembre per l’intera giornata. Nel corso della quattro giorni gli abitanti del borgo insegnano a visitatori e turisti come preparare il goloso pane con i fichi e le castagne; la festa si conclude martedì 8 con la distribuzione delle Micooule benedette al termine della Messa e con il suggestivo mercatino di artigianato locale e prodotti tipici della Valle d’Aosta.

 

Il Mecoulen di Cogne

Da non confondere con la Micooula di Hône il Mecoulen, chiamato anche pan dolce di Cogne, una torta soffice nata come specialità natalizia ma ormai venduta tutto l’anno nelle pasticcerie della località ai piedi del Gran Paradiso. Viene impastato con farina, lievito, latte, uova, zucchero, burro, panna e uvetta e aromatizzato con rhum e scorza di limone.

 

La ricetta
Ingredienti

1,2 kg di farina di frumento
800 gr di farina di segale
50 gr di lievito di birra
400 gr di castagne lesse
150 gr di uva passa
100 gr di noci
250 gr di fichi secchi
250 gr di cioccolato fondente
1 l di acqua tiepida
Sale q.b.

Procedimento

Disponete le due farine a fontana sulla spianatoia, mettete al centro il lievito sciolto in poca acqua tiepida e il sale, unite l’acqua in maniera graduale e lavorate gli ingredienti fino a ottenere un impasto morbido e omogeneo che farete lievitare per circa un’ora. Trascorso il tempo necessario, unite l’uvetta, le castagne, le noci e i fichi spezzettati, il cioccolato fondente a pezzetti. Con l’impasto ottenuto formate dei panetti alti circa 6-10 centimetri e larghi 10-15 cm. Infornate le Micooule a 180 gradi e fatele cuocere per 60/90 minuti.

Lascia un commento