LA NUTRIZIONISTA LEE HOLMES SVELA I 10 CIBI CONTRO LA STANCHEZZA DI PRIMAVERA

4 anno fa di in Mangiare sano Tagged: , , , , , , , , , , ,

NoccioleNocciole, yogurt, salmone e uova. E poi verdure e ortaggi freschi, come spinaci, patate dolci e funghi. Per combattere la spossatezza che in primavera colpisce molte persone si comincia dalla tavola. Ad affermarlo è la nutrizionista australiana Lee Holmes, che in un articolo pubblicato sul quotidiano britannico Daily Mail ha elencato i dieci cibi da privilegiare in questo periodo dell’anno, per fare il pieno di energia e allontanare la fatica.

Se da un lato il primo sole e l’allungarsi delle giornate migliorano l’umore e incidono positivamente sul benessere psicologico, dall’altro il cambiamento spesso repentino delle temperature – a cui il corpo si adegua con difficoltà – è responsabile della cosiddetta “sindrome da letargo”, che si manifesta con sonnolenza e stanchezza cronica. Per combattere questo malessere stagionale meglio evitare energy drink e bibite gassate, puntando invece su quello che ci offre la natura.

Tra i cibi più indicati ci sono le nocciole, ricche di Omega 3, gli acidi grassi insaturi che abbassano il livello di colesterolo nel sangue, e di vitamina E, un potente antiossidante. Da consumare in purezza come snack in qualunque momento della giornata, sono ottime per dare un tocco croccante alle insalate, abbinate per esempio a radicchio, finocchi, indivia riccia, mais, prosciutto crudo o speck. Al secondo posto della top ten troviamo lo yogurt, ideale a colazione o come spuntino leggero a metà mattina o nel pomeriggio: i suoi probiotici, batteri “buoni” che favoriscono il benessere intestinale, migliorano la digestione e aiutano l’organismo ad assimilare i nutrienti presenti negli altri alimenti. Anche il salmone, come le nocciole, è una preziosa fonte di Omega 3; contiene inoltre vitamina D, importante per l’assorbimento del calcio e vitamina B6, che trasforma il cibo in energia: essendo già molto saporito, è preferibile cucinarlo in maniera leggera, per esempio al forno, alla griglia o in padella con un filo d’olio d’oliva ed erbe aromatiche.

YogurtSalmone frescoFunghi trifolati

Nella classifica compaiono i funghi, che racchiudono ferro in buone quantità. Il ferro, che trasporta l’ossigeno nel sangue, svolge un ruolo fondamentale contro la stanchezza: “senza un apporto sufficiente di ossigeno agli organi principali, infatti, possiamo sentirci affaticati e letargici”, commenta la nutrizionista. I funghi, buonissimi trifolati o nel risotto, con l’aumentare delle temperature sono ottimi anche crudi, per preparazioni più fresche, come il carpaccio di bresaola o le insalatone. Indicati per il buon apporto di magnesio e potassio – il primo produce energia, l’altro favorisce la digestione –, invece, gli spinaci, che se particolarmente teneri possono essere mangiati a crudo, nelle insalate, oppure leggermente lessati e conditi con un filo d’olio, succo di limone e un pizzico di sale.

Spinaci con uvetta e pinoliSemi di zuccaPatate dolci grigliate

Nella lista ci sono poi alcuni prodotti poco diffusi nel nostro Paese: i semi di zucca e girasole, ricchi di magnesio, e le patate americane, un vero concentrato di benessere (contengono ferro, magnesio, potassio, vitamina C e D). Se i primi sono perfetti come spuntino, le patate dolci – che Italia vengono coltivate ad Anguillara Veneta, in provincia di Padova – sono buonissime al forno o in insalata, insaporite con spezie come zafferano o peperoncino. Via libera, ancora, a frutta e verdura di stagione e all’acqua a volontà, “necessaria per trasportare l’ossigeno e il nutrimento alle cellule”. La dose raccomandata è di otto bicchieri al giorno per le donne, dieci per gli uomini.

Frutta e verdura frescaBere acquaUova fresche

A sorpresa, la classifica si chiude con le uova: demonizzate fino a una decina di anni fa dagli specialisti per il contenuto di colesterolo, di recente sono state ‘riabilitate’ perché forniscono all’organismo proteine, vitamina B, E, acido folico, fosforo e selenio che mantengono elevata la concentrazione. In particolare, se si svolge attività fisica, sono preziose per “far recuperare la forza ai muscoli dopo l’esercizio e aiutano il corpo, anche nei giorni successivi, a sentire meno la fatica”.

 

Lee Holmes

Lee HolmesAustraliana, Lee Holmes è nutrizionista e collabora con il prestigioso Institute of Integrative Nutrition di New York. Autrice di libri sulla sana alimentazione per adulti e bambini, nel 2010 ha fondato il sito Superchanged Food, in cui unisce i consigli per una dieta equilibrata a ricette sfiziose e saporite.

Lascia un commento