LE FRITTELLE DI ERBA MADRE DI MAURO FIORESE

2 anno fa di in Ricette firmate Tagged: , , , , , , ,

frittelle fiorese 1

Perchè le frittelle di Erba Madre della madre di mia madre? 

Perché i ricordi associati alla nonna sono sempre dolci.

Perché l’erba Madre nasceva nel nostro giardino e il suo nome evoca la figura che ci ha sempre tramandato questa ricetta.

Perché sia l’ARTEMISIA che l’ASSENZIO si possono associare all’Arte e possono essere gradite agli artisti (con conseguenze diverse anche a seconda della moderazione con cui le si consuma).

 

La ricetta

Ingredienti per la ricotta (per 4 persone): 

2 uova intere
80 gr. di zucchero semolato
130 gr. di farina 00
1 bicchiere di latte fresco
5 gr. di lievito vanigliato per dolci
un pizzico di sale
zucchero a velo q.b per guarnire
40 gr. di foglie di Artemisia vulgaris (1) fresca (anche detta erba Madre) o Artemisia absinthium (2) (altresì detta Assenzio) tritata finemente a coltello (non con il frullatore!)
Olio di arachidi per la cottura

Preparazione

Sbattere con il frustino le uova assieme  allo zucchero semolato, aggiungere la farina, poi il latte, il sale e per ultimo il lievito. Aggiungere l’erba Madre e amalgamare il tutto. Immergere in abbondante olio bollente un cucchiaio di preparato alla volta. Ogni cucchiaio corrisponde a una frittella. Girare una volta sola ogni frittella, poi estrarle e asciugare dall’olio in eccesso con carta assorbente da cucina. Servire calde con una spolverata di zucchero a velo. Guarnire il piatto di portata o l’alzatina con qualche foglia di erba Madre fresca con eventuale aggiunta/topping di frutti di bosco a piacere.

frittelle fiorese 2(1) Artemisia: Genere di piante delle Composite Tubuliflore con duecento specie boreali: erbe aromatiche con folgie alterne a lembo diviso. L’Artemisia vulgaris, comune in Italia, è una pianta erbacea perenne, selvatica o coltivata, officianle ad azione emmenagoga e sedativa, con radici dalle proprietà antidiabetiche per la presenza di insulina.

(2) Artemisia absinthium (Assenzio): erba perenne pubescente, le cui foglie e sommità fiorite sono amare e ad azione antisettica, aperitiva, desostruente, diuretica, eccitante.

Mauro Fiorese

mauro fioreseClasse 1970, è tra i più apprezzati fotografi del mondo. Autore e docente da oltre vent’anni attivo nel settore della fotografia Fine-Art. Ha firmato foto di food molto apprezzate, lavorando con chef pluristellati tra cui il napoletano Don Alfonso Iaccarino. E’ Professore di ruolo presso l’Accademia di Belle Arti di Verona dal 1998 e ha insegnato presso istituzioni pubbliche e private come l’Università degli studi di Verona, l’Istituto Europeo di Design di Milano, University of Illinois Urbana Champaign, Lamar University Beaumont, Tx, Santa Fe Photographic Workshops, International Center of Photography di New York. Le sue opere fanno parte di collezioni private e pubbliche come quelle del Museum of Fine Art di Houston, Tx, Bibliothèque nationale de France di Parigi, Museo di Fotografia Contemporanea di Milano, Centro Internazionale di Fotografia “Scavi Scaligeri” di Verona. Il suoi lavori sono stati premiati ed esposti, dal 1996, in Europa, Giappone, Canada e Stati Uniti presso gallerie private e pubbliche istituzioni, fiere e festivals, compresa la 54° Biennale d’Arte di Venezia del 2011 e la George Eastman House di Rochester, NY il primo e più importante museo americano dedicato alla Fotografia e al Cinema. Le sue opere inoltre sono stati battute a Sotheby’s e in diverse altre aste internazionali.

Lascia un commento