Archivi tag: peperoni

DOLCI PEPERONI! L’ESTATE È LA STAGIONE GIUSTA PER GUSTARLI AL MEGLIO

shutterstock_419182525I peperoni fanno parte della famiglia delle solanacee come melanzane patate e pomodori. Sono originari dell’America Latina e sono arrivati in Europa portati da Colombo, qui poi hanno trovato subito un habitat favorevole alla loro crescita.

Fanno parte della stessa famiglia dei peperoncini, questi però solitamente vengono fatti essiccare e utilizzati come spezia, i peperoni invece sono dolci e utilizzati in cucina per la preparazione di numerosi e saporitissimi piatti.

Vista la loro forma si prestano ad essere riempiti di farciture di diverso tipo. Sono ottimi anche crudi in pinzimonio o per dare un tocco di sapore deciso all’insalata. In Sicilia si cucinano spesso come contorno, sono l’ingrediente principale della peperonata, condimento che può essere perfetto anche per un’ottima pasta. Sono spesso tra gli ingredienti della caponata e indispensabili per un tradizionale gazpacho spagnolo.

shutterstock_408376756Si dice spesso che siano difficili da digerire, per risolvere questo problema, solitamente si consiglia di togliere la pelle. L’operazione è semplice, facendoli abbrustolire sul fuoco o grigliandoli è facile sfilarla, in seguito si può continuare con la preparazione che si desidera cucinare

Rossi, gialli e verdi sono tutti un’ottima fonte  di vitamina C, ne contengono infatti una quantità quattro volte maggiore rispetto agli agrumi. Rappresentano inoltre un’ottima fonte di betacarotene, tanto importante nel periodo estivo per preparare la pelle all’esposizione al sole.

 

 

Ricetta della peperonata siciliana

Ingredienti

2 peperoni rossi

2 peperoni gialli

2 peperoni verdi

300 g di passata di pomodoro

1 cipolla

Sale q.b.

Olio q.b.

Preparazione

Trita la cipolla e falla soffriggere con un filo d’olio. Aggiungi i peperoni tagliati a listarelle. Quando i peperoni saranno appassiti aggiungi la passata di pomodoro, aggiusta di sale e cuoci lentamente per circa 15 minuti.

I BUCATINI ALLA CARUSO, OMAGGIO DEL TENORE ALLA SUA NAPOLI

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

revistagosto.com.br

revistagosto.com.br

Una ricetta semplice e buonissima che arriva da Napoli e fa sentire ancora nell’aria il profumo della bella stagione. Per preparare i Bucatini alla Caruso bisogna approfittare delle ultime settimane d’estate, quando al mercato si trovano ancora carnosi peperoni e zucchine piccole e tenere, protagonisti di questo piatto che secondo la tradizione fu ideato proprio dal grande tenore partenopeo. Continua a leggere

LE CONFETTURE DI ORTAGGI PER ABBINAMENTI “DA CHEF”

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Confetture e conserve di ortaggiLa prima è stata la conserva di cipolle, preparata con la dolce Rossa di Tropea, da abbinare ai formaggi a media o lunga stagionatura. Poi sono arrivate quelle con i pomodori, i peperoni, le zucchine, le melanzane. Le confetture di ortaggi, sconosciute fino a qualche anno fa, piacciono sempre di più: sono in aumento coloro che si divertono a sperimentare unendo zucchero e verdure, per creare composte diverse dal solito e tenere sempre in dispensa qualcosa di raffinato e particolare. Spesso vengono servite nei numerosi agriturismi sparsi per la Penisola, con i salumi e i caci prodotti in azienda o sul pane appena sfornato. Continua a leggere

6,6 su sfondo biancoSono i milioni di kg di carciofini sott’olio consumati dagli italiani

 

 

 

 

 

 

 

 

Cuore di carciofiCarciofini e funghi sott’olio non mancano mai nella dispensa degli italiani. Come in quella di ristoranti, pizzerie e gastronomie. Tanto che se ne consumano rispettivamente 6,6 e 5 milioni di kg! (fonte IRI febbraio 2015). Se si sommano però le diverse varietà di funghi (champignon + porcini + chiodini + altre varietà) i consumi si equivalgono. La “fortuna” dei sott’olio è che rappresentano la soluzione più rapida (ma spesso anche gustosa) per un contorno genuino e, usati come condimento o ingrediente di paste insalate, risolvono il problema del pranzo o della cena. Assieme a melanzane, cipolline, peperoni, cetriolini o pomodori, verdure e ortaggi sott’olio, infatti, sono protagonisti di antipasti e contorni, primi piatti, anche freddi, come le deliziose insalate di riso e di pasta, pizze e panini così come dei tramezzini, lo spuntino più diffuso nel Paese. Basti pensare che proprio carciofini e funghi sono Considerati i jolly della cucina e della gastronomia. Un tempo considerati “sacri” nelle famiglie contadine, che li preparavano per poter gustare i prodotti della terra anche fuori stagione, oggi sono secondi solo al pomodoro nell’industria delle conserve e sono immancabili sugli scaffali di supermercati come piccole salumerie. Si trovano praticamente ovunque. Negli ultimi anni si è riscoperto il gusto di prepararli a casa, come facevano i nostri nonni.

Tante specialità

Ogni territorio, ogni paese e in alcuni casi quartiere ha la sua tradizione conserviera. E così in Calabria, ad esempio, non si contano le diverse ricette di pomodori secchi sottolio. In Campania alle tradizionali conserve di carciofini e funghi champignon di recente si sono affiancati i friarielli, una particolare varietà di broccoli, e le melanzane. La “Giardiniera”, madre di tutte le conserve sott’olio, la si deve all’intuizione delle famiglie contadine piemontesi. Originariamente sott’aceto e chiamata anche antipasto “piemontese”, è attribuita, infatti, ai contadini delle Langhe e del Monferrato che la producevano per poter gustare il loro tipico antipasto, costituito da verdure e ortaggi tagliati a tocchetti, anche durante l’inverno. Le cipolline sono tipiche della gastronomia dell’Emilia-Romagna. In Toscana sono, invece, molto diffusi gli ortaggi ripieni conservati nell’olio, come i piccoli peperoncini rossi e verdi. La Sicilia vanta una storica tradizione sulle olive.

IL POLPO “ALLA CATALANA”: UNA SPECIALITÀ SARDA

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Una ricetta fresca e profumatissima, che ci porta sulle coste nordoccidentali della Sardegna, ad Alghero (Sassari), splendida località di mare che ogni estate è frequentata da numerosi turisti italiani e stranieri. Il Polpo alla Catalana è una specialità isolana che racchiude i colori e i sapori della stagione calda: un’insalata a base di polpo lesso, peperoni a crudo, pomodorini pachino, cipolle di Tropea, carote e basilico, che viene condita con una salsina di olio extravergine d’oliva, prezzemolo, sale e pepe. Sebbene non abbia origini spagnole, l’influsso dei catalani – che dominarono la città per oltre 400 anni – in questa pietanza è evidente nell’impiego dei peperoni, utilizzati di frequente nella cucina iberica, che accompagnano il polipo, tra gli ingredienti privilegiati della gastronomia sarda.   Continua a leggere

LA PEPERONATA, PIÙ DI UN SEMPLICE CONTORNO

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

PeperonataI peperoni, saporiti e carnosi, sono quanto di più buono la natura ci regala nei mesi caldi; uniti ai pomodori lasciati maturare al sole, a uno spicchio d’aglio, a una cipolla affettata e a dell’ottimo olio extravergine di oliva danno origine a un vero capolavoro della tavola dell’estate: la peperonata. Continua a leggere

ESTATE, 10 CIBI PER DIFENDERSI DAL CALDO E FAVORIRE L’ABBRONZATURA

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Prosciutto e meloneSpaghetti conditi con un leggero sughetto al pomodoro fresco e basilico (il piatto italiano simbolo di Expo 2015), coloratissime insalate di lattuga, carote e radicchio e poi frutta di stagione a volontà. Per difendersi dal gran caldo che in questi giorni sta arrivando nella nostra Penisola bisogna puntare sugli alimenti giusti. Lo afferma la Coldiretti, che ha stilato una speciale top ten dei “cibi dell’estate”, in grado, da un lato, di proteggere l’organismo dalle temperature elevate, e dall’altro di favorire un’abbronzatura bella e duratura. Continua a leggere

IL GUSTO ESTIVO DELLE LASAGNE

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Lasagne con verdureLasagna”, una parola che evoca ricchi condimenti, pranzi invernali con tante portate e sontuose tavole delle feste. E, invece, negli ultimi anni uno dei più celebri piatti della cucina italiana si è reinventato e alleggerito, diventando una pietanza perfetta per la bella stagione. Se le due lasagne per antonomasia restano la bolognese, con ragù e besciamella, e la napoletana, con fiordilatte, ricotta e polpettine, nei mesi caldi sono in aumento coloro che farciscono le sottili sfoglie di pasta all’uovo con verdure, sughetti al pomodoro fresco, pesce, pesto alla genovese. Continua a leggere

LA CAPONATA DI MELANZANE, UN CAPOLAVORO DELLA CUCINA SICILIANA

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Caponata di melanzaneÈ la regina delle cene estive. In Sicilia se ne contano una cinquantina di varianti, che cambiano in base alle località e alle tradizioni familiari. Continua a leggere

LE UOVA AMPLIFICANO L’EFFETTO BENEFICO DEGLI ORTAGGI

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Insalata e uovo sodoLattuga e pomodorini, patate e fagiolini, oppure peperoni e cetrioli: fresche insalate che con l’aggiunta delle uova sode si trasformano in piatti unici ideali sulla tavola della primavera e dell’estate. Forse non tutti sanno però, che l’uovo, oltre a rendere più sostanziosi questi semplici piatti, ha anche un’altra proprietà, quella di “amplificare” l’effetto benefico degli ortaggi. Continua a leggere

BRUTTA MA BUONA: LA NUOVA VITA DI FRUTTA E VERDURA IMPERFETTI

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Imoche_fruits_vegetables.jpg.662x0_q100_crop-scalen Francia sono i nuovi protagonisti dei banchi ortofrutticoli di supermercati e negozi. Ma già hanno conquistato la Gran Bretagna e la Spagna e si preparano a sbarcare in tanti altri Paesi. Continua a leggere

FARE LA SPESA NEI MESI GIUSTI CON L’APP “DI STAGIONE”

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Melanzane, zucchine e peperoni in pieno inverno, zucca in primavera, cavolfiori d’estate: le stagioni sembrano essersi capovolte anche tra i banchi di frutta e verdura! Qualsiasi tipo di ortaggio, ormai, è sempre disponibile e sono in molti a portare a tavola prodotti che non rispettano il naturale ciclo di maturazione. D’altro canto, un numero crescente di persone oggi decide di fare la spesa in maniera responsabile, per non danneggiare la salute, l’ambiente e il portafogli, mettendo nel piatto cibi più sani e più buoni. Continua a leggere

LA PORCHETTA, DA CIBO DEI “SIGNORI” A STREET FOOD

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

PorchettaLa porca, la porca! Ciavemo la porchetta signori! La bella porca de l’Ariccia co un bosco de rosmarino in de la panza! Co le patatine de staggione!… Carne fina e delicata, pe li signori proprio! Assaggiatela e proverete, v’oo dico io, sore spose: carne fina e saporita!…”. Continua a leggere

IL PEPERONE RIPIENO, UN PIATTO NAZIONAL-POPOLARE

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Impossibile resistere ai peperoni ripieni. Una pietanza nata dall’esigenza di recuperare pane raffermo o avanzi di carne, pasta o riso, diventata nel tempo una delle più conosciute della cucina del Bel Paese. Immancabili nei ristoranti e nelle trattorie della Penisola, insieme ad altri piatti “nazional-popolari” come i pomodori col riso, grazie al loro sapore corposo e dolce al tempo stesso questi prelibati ortaggi regalano all’imbottitura un gusto del tutto nuovo e sorprendente. Continua a leggere

IL PAPPONE ALLA TERMOLESE

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

È un appellativo poco “allettante” quello con cui viene chiamato un prelibato piatto di pesce tipico di Termoli, borgo marittimo della provincia di Campobasso che si affaccia sull’Adriatico, ma il “pappone” è una gustosa specialità da assaggiare o preparare in casa. È un piatto “povero” a base di fette di pane casareccio raffermo bagnate in un intingolo di pesce freschissimo. Continua a leggere

LA CIAMBOTTA, MOLTO PIÙ DI UNO STUFATO

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Ciambotta nel paneIl gusto unico delle verdure di stagione, unite ad un pizzico di origano, qualche fogliolina di basilico fresco e cipolla tagliata finemente, condite con un filo di olio extravergine d’oliva e stufate a fuoco dolce. Profumatissima e leggera, la ciambotta è una specialità della tradizione gastronomica del Centro e Sud Italia che racchiude tutti i colori dell’estate, facendoci pregustare l’arrivo della bella stagione. Non va servita calda, ma tiepida o a temperatura ambiente, anzi può anche essere preparata con un giorno d’anticipo rispetto a quando sarà consumata – in questo modo diventerà ancora più corposa e saporita. Continua a leggere