VIRGINIA WOOLF E L’IMPORTANZA DEL PRANZO

3 anno fa di in Virgolettati Tagged: , ,

“Non si può pensare bene, né amare bene, né dormire bene, se non si è pranzato bene”

Virginia Woolf, Una stanza tutta per sé

virginia woolfMolte persone lo saltano abitualmente o comunque non gli attribuiscono l’importanza che meriterebbe. Non ha alcun dubbio, invece, Virginia Woolf che in Una stanza tutta per sé, uno dei testi più importanti per il femminismo, afferma che il pranzo sia indispensabile ad ogni altra attività quotidiana.

Molto probabilmente la Woolf non si riferisce al pranzo di mezzogiorno, ma a quello più completo delle 17 del Nord America o delle 18 in Inghilterra, considerato in quell’epoca il principale della giornata. Non la pensa così, invece, la gran parte dei nutrizionisti di mezzo mondo che attribuiscono al pranzo di mezzogiorno un ruolo fondamentale nell’alimentazione quotidiana, mentre sostengono che la cena debba essere più leggera. Purtroppo, invece, è molto diffusa l’abitudine di mangiar poco (o nulla) a pranzo e consumare un pasto completo a cena. Solo il 68% degli italiani, infatti, ritiene il pranzo il pasto principale della giornata (dati Host 2013). Per il restante 32% è la cena, come nella gran parte dei paesi anglosassoni.

Su una cosa sono tutti d’accordo. È importante non saltarlo e mangiare almeno un tramezzino, un panino o anche una macedonia di frutta.

L’obiettivo di questo saggio-romanzo, pubblicato per la prima volta nell’ottobre del 1929, è di rivendicare il ruolo della donna in ambito culturale, fino ad allora appannaggio di quello maschile. Il libro, ambientato in un fittizio contesto universitario, è basato su due conferenze tenute dalla scrittrice a Newnham e Girton, College femminili dell’Università di Cambridge.

Il libro ripercorre le tappe principali della storia letteraria delle donne riproponendo in una chiave nuova per quei tempi il ruolo della donna nella cultura, attraverso la decostruzione del linguaggio maschilista e patriarcale che la caratterizzava. Dunque una raffinata operazione sociale e politica veicolata attraverso la letteratura.

One Response to “VIRGINIA WOOLF E L’IMPORTANZA DEL PRANZO”


[…] può pensare bene, amare bene, dormire bene, se non ha mangiato bene”. Il suo slogan tratto da Virginia Woolf è un vero e proprio manifesto. Cosa significa mangiare bene […]

Lascia un commento