Archivi tag: carote

Confetture e conserve di ortaggi

LE CONFETTURE DI ORTAGGI PER ABBINAMENTI “DA CHEF”

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Confetture e conserve di ortaggiLa prima è stata la conserva di cipolle, preparata con la dolce Rossa di Tropea, da abbinare ai formaggi a media o lunga stagionatura. Poi sono arrivate quelle con i pomodori, i peperoni, le zucchine, le melanzane. Le confetture di ortaggi, sconosciute fino a qualche anno fa, piacciono sempre di più: sono in aumento coloro che si divertono a sperimentare unendo zucchero e verdure, per creare composte diverse dal solito e tenere sempre in dispensa qualcosa di raffinato e particolare. Spesso vengono servite nei numerosi agriturismi sparsi per la Penisola, con i salumi e i caci prodotti in azienda o sul pane appena sfornato. Continua a leggere

Pinzimonio

IL PINZIMONIO, UNA RICETTA “DI TENDENZA”

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Olio extravergine di oliva, sale e pepe. Per intingerci ortaggi o verdure crude come carote, sedano, cetrioli o finocchi tagliati a listarelle, ma anche per condire pesce alla brace, una bruschetta o salumi. È il Pinzimonio. Molti italiani lo preparano e lo mangiano senza sapere neanche bene come si chiami e cosa sia. È una delle salse più diffuse e utilizzate nel nostro Paese e più semplici da preparare. Anche questo pochi lo sanno. Nel periodo estivo è il protagonista indiscusso degli happy hour e degli aperitivi, ma è presente sulla tavola tutto l’anno. Le varianti più diffuse sono con il succo di limone o con l’aceto, così come l’impiego a cui è generalmente associato è la classica “crudité” di verdure (in Pinzimonio, appunto)! Il segreto del suo successo sta nel fatto che è un piatto che permette di socializzare, dal momento che tutti attingono contemporaneamente dalla piccola ciotola in cui viene posto il condimento. Continua a leggere

Prosciutto e melone

ESTATE, 10 CIBI PER DIFENDERSI DAL CALDO E FAVORIRE L’ABBRONZATURA

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Prosciutto e meloneSpaghetti conditi con un leggero sughetto al pomodoro fresco e basilico (il piatto italiano simbolo di Expo 2015), coloratissime insalate di lattuga, carote e radicchio e poi frutta di stagione a volontà. Per difendersi dal gran caldo che in questi giorni sta arrivando nella nostra Penisola bisogna puntare sugli alimenti giusti. Lo afferma la Coldiretti, che ha stilato una speciale top ten dei “cibi dell’estate”, in grado, da un lato, di proteggere l’organismo dalle temperature elevate, e dall’altro di favorire un’abbronzatura bella e duratura. Continua a leggere

moche_fruits_vegetables.jpg.662x0_q100_crop-scale

BRUTTA MA BUONA: LA NUOVA VITA DI FRUTTA E VERDURA IMPERFETTI

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Imoche_fruits_vegetables.jpg.662x0_q100_crop-scalen Francia sono i nuovi protagonisti dei banchi ortofrutticoli di supermercati e negozi. Ma già hanno conquistato la Gran Bretagna e la Spagna e si preparano a sbarcare in tanti altri Paesi. Continua a leggere

antonio torchia

SALUTE E GUSTO: IL MINESTRONE DI TORCHIA E AGOSTI

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Soup and ingredients

Quante volte una mamma, magari dopo essersi prodigata e “spremuta” nel preparare una pietanza prelibata, si è trovata di fronte a una bocca irrimediabilmente chiusa, una faccia sfrontatamente girata dall’altra parte?

A partire dall’anno di vita, superato lo svezzamento con i vari consigli pediatrici che, piano piano, si lasciano alle spalle, l’atteggiamento educativo nutrizionale dei genitori diventa spesso troppo permissivo, Continua a leggere

Italian food ingredients

MEDITERRANEA: LA DIETA POPOLARE

Da qualche tempo è diventata una delle tendenze gourmet internazionali, che ha conquistato anche gli chef stellati. Ma la Dieta Mediterranea è, da sempre, un regime alimentare popolare, fatto di cibi e pietanze alla portata di tutti, facilmente reperibili in tutti i Paesi del Mediterraneo: cereali, olio d’oliva, frutta, ortaggi e verdure, latticini, pesce. Continua a leggere

Chef_3

LE SARDE IN SAOR DELLO CHEF VINCENZO BUONOCORE

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Le sarde in saor sono uno dei grandi piatti della cucina veneta. Una versione molto gustosa la si può assaggiare da AMO Opera Restaurant, il ristorante che si trova nell’Arena Museo Opera (AMO), il Museo della Fondazione Arena di Verona dedicato alla creatività operistica italiana. Continua a leggere

Frutta e verdura bio

FRUTTA E VERDURA BIO, UN ELISIR DI GIOVINEZZA

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Un piatto di pasta condito con un delizioso sughetto al pomodoro fresco, un’insalata con ortaggi di stagione, una spremuta d’arancia, una colorata e fresca macedonia. Piatti che mettono allegria e sono perfetti per i pranzi, le cene e le merende d’estate, coniugando gusto e leggerezza. Continua a leggere

ravanelli

RAVANELLI, LA COTTURA INASPETTATA

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

ravanelliUna buccia di un bel color rosso carico, una polpa candida e un inaspettato sapore pungente, quasi piccante. Sono le caratteristiche dei ravanelli, piccoli ortaggi di forma tondeggiante che con l’avvicinarsi dell’estate fanno la loro comparsa al mercato e in tavola. La stagione calda è, infatti, il periodo ideale per gustarli. Continua a leggere

Zucchine con fiori

LE TANTE FACCE DELLA ZUCCHINA

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Zucchine ripieneStufate, al forno, fritte, “alla scapece”, “alla parmigiana”, ripiene, lesse o in insalata. Cotte o anche crude le zucchine – dopo pomodori e patate – sono tra gli ortaggi preferiti dagli italiani. Continua a leggere

Hühnersuppe

LA SANA LEGGEREZZA DELLA CAROTA

Dall’ inconfondibile sapore a metà tra il dolce e il salato, la carota, cruda o cotta, è uno degli alimenti immancabili nella dieta settimanale. Ingrediente di minestre e minestroni, zuppe e insalate ma anche di tanti sughi e salse, tagliata alla julienne o in insalata, è tra i contorni più diffusi. Poco calorica e praticamente senza grassi, ha tante proprietà nutritive.

HühnersuppeOriginaria della parte centrale del continente asiatico (Afghanistan) venne coltivata in Europa per scopi terapeutici già dai Greci che erano soliti bere lentamente il brodo vegetale delle carote crude per placare dolori addominali e contrastare irritazioni gastriche. Alcune fonti dimostrano il suo impiego anche alcuni secoli prima di cristo. Coltivata in Italia dall’ inizio del 1700 è un prodotto annuale facile da produrre, tanto da diventare popolare anche negli orti domestici. Le varietà più diffuse vengono dall’ Emilia Romagna, il Veneto, il Lazio, l’Abruzzo, che offre la pregiata “Carota dell’Altopiano del Fucino” di denominazione protetta e la Sicilia, terra della carota “novella” seminata in autunno che raggiunge la maturazione alla fine di febbraio.

Non solo la provenienza distingue le diverse tipologie di carote, ma anche il colore, la forma (corte, mezzane e lunghe) e il periodo di maturazione. Tre le varietà più pregiate: la “Rossa lunga di Napoli”, la Flakkee (precoce), la Grelot (corta, precoce).

Molto usata per preparare dolci e biscotti, che spopolano nei Paesi anglosassoni, da alcuni anni si è rivalutato il consumo crudo in pinzimonio servita negli happyhour di tendenza assieme a sedano e finocchio. Le carote sono ottime cotte, in particolare lessate; stufate con un battuto di cipolle, porri e pomodoro e aggiunte nelle zuppe e nelle minestre. Al vapore, lesse o al forno costituiscono uno dei più tradizionali contorni, generalmente condite con buon olio extravergine e l’aggiunta di aglio, prezzemolo o altre erbe aromatiche. Ma la carota è anche molto utilizzata per insaporire piatti con legumi, patate, cereali e verdure. Tuttavia se generalmente si usa mangiare la radice (dalla forma allungata a cono), non tutti sanno che è possibile usare anche le foglie e gli steli, specialmente nelle minestre.Vegetarische Karottensuppe

Le carote sono altrettanto gustose crude, ad esempio tagliate a julienne e associate ad altre cruditées nelle insalate, costituiscono un piacevole antipasto vegetariano.  Senza dimenticare che la carota è la protagonista assoluta dei centrifugati di verdura più apprezzati, salutari e di grande efficacia terapeutica.

Tra tutti i vegetali rappresentano la fonte più ricca di beta-carotene che trasformato in vitamina A dall ’organismo è un toccasana per la nostra salute. In soli 200-300 grammi di carote, infatti, c’è una quantità di beta-carotene pari a circa 5-10 volte il fabbisogno giornaliero raccomandato (20-25 mg). E se comunemente si pensa che l’assunzione di carote favorisca l’abbronzatura, tuttavia va ricordato  che il beta-carotene si deposita solo a livello del derma e non arriva fino allo strato più esposto al sole, l’epidermide. Certo, la vitamina A è comunque da considerarsi “la vitamina della pelle”: molto utile in presenza di pelle secca, acne, dermatosi.

Ma le carote sono anche ricche di sali minerali quali potassio, ferro, calcio, fosforo, sodio, rame e magnesio e vitamine come la C, D, E,  B2 e B6. È molto indicata per curare le infezioni polmonari; e protegge le pareti dello stomaco, scongiurato il rischio di ulcere. Studi recenti inoltre hanno riscontrato che le carote hanno la proprietà di tenere basso il livelli di colesterolo nel sangue e del diabete. Ma non è tutto, le carote stimolano la diuresi, tonificano i reni, e fungono da regolatori delle funzioni intestinali. Infine, mangiare carote fa molto bene alla vista!

In cosmesi

Anche nel settore cosmetico, le carote vengono utilizzate e con ottimi risultati! L’olio essenziale di carota è sfruttato per la produzione, ad esempio, di creme anti-invecchiamento e prodotti che favoriscono la  crescita dei capelli. Inoltre, nell’ industria cosmetica si utilizza la polpa di carota per il trattamento di scottature, foruncoli, grazie alla sua azione idratante, emolliente ed elasticizzante, dovuta alle proteine vegetali che contiene. Infine la radice triturata fresca è utilizzata come maschera di bellezza per nutrire il viso.