Archivi tag: mais

IL PANE: IL VERO RE DELLA TAVOLA

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Il pane e il vero alimento italiano. Più della pasta. Nessuno ha il culto del pane come noi. Certo, i francesi, ma se fate un giro del mondo, non necessariamente in ottanta giorni, anche nel luogo più sperduto, gli unici che chiederanno, prima di tutto, il pane saremo noi. Continua a leggere

FESTA DELLA DONNA: IL MENÙ ISPIRATO ALLA MIMOSA

Se la torta Mimosa è il piatto più rappresentativo che si prepara per la Festa della donna, negli anni la creatività di barman, chef e pasticcieri ha dato vita a tante altre portate e bevande create per menù a tema. E ogni anno l’offerta si allarga sempre di più. Ma gli ingredienti di base sono sempre gli stessi: lo Zafferano, innanzitutto, il tuorlo dell’uovo sodo, il Pan di Spagna, il mais, i Limoni e l’Ananas. Continua a leggere

Canned corn in a bowl, and fresh cobsTom Standage, editor dell’Economist per il quale si occupa di affari, finanza e scienza, apre il suo libro “An edible history of hummanity” (Una storia commestibile dell’umanità, Codice Edizioni 2009) parlando del mais. Considerato tra i maggiori esperti mondiali di dinamiche economiche, ha concentrato le sue ricerche sull’influenza dell’alimentazione sulla società e sull’economia. Giornalista e scrittore, autore di numerosi libri, in passato ha lavorato al Guardian, al New York Times e a Wired.  “Basta una torsione del polso per staccarla dallo stelo, senza spreco né trambusto” – continua Standage – “E’ ricca di chicchi gustosi e nutrienti che sono più grandi e numerosi di qualsiasi altro cereale, ed è circondata da un cartoccio che la ripara da parassiti e umidità”. Tom Standage parla del granturco nel primo capitolo del suo libro, tradotto in decine di lingue del mondo, denominato “L’invenzione dell’agricoltura” per raccontare come qualsiasi produzione sia frutto dell’ingegno umano. “L’apparenza inganna: un campo coltivato a mais, o qualsiasi altra coltura, è una creazione umana quanto un microchip, una rivista o un missile. Anche se ci piace pensare che l’agricoltura sia una cosa naturale, diecimila anni fa si trattò di uno sviluppo nuovo”. Per spiegare ancora meglio il suo pensiero, nello stesso libro, lo studioso fa un ulteriore esempio: “La terra arata è un paesaggio tecnologico oltre che biologico”.

BOLLITA O ALLA GRIGLIA LA PANNOCCHIA FA BENE

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

mais arrostitoQuando Cristoforo Colombo arrivò a Hispaniola, nelle Antille, la prima colonia del Nuovo mondo, tra il 1492 e il 1493, gli indigeni Arahuaco già consumavano pannocchie bollite o arrostite. Continua a leggere