Archivi tag: Milano

WEEK END A MILANO CON I MIGLIORI VINI ITALIANI

shutterstock_215803660Gli amanti del vino non possono mancare all’incontro con l’enologia che si terrà questo week end a Milano. Il 2-3 e 4 dicembre al Magna Pars, in via Tortona 15, si rinnoverà l’appuntamento con ‘I Migliori Vini Italiani’, evento ideato da Luca Maroni e che si ripete da 15 anni e che, per la terza volta, trova ospitalità nella metropoli Lombarda. L’esclusiva location, scelta per l’occasione, nei suoi moderni e ampi spazi ospiterà imperdibili degustazioni enogastronomiche e presentazioni di nuovi vini prestigiosi, in un ambiente elegante e raffinato, capace di rendere ancora più piacevole la scoperta del mondo del vino. La serata sarà ulteriormente impreziosita da piacevoli momenti dedicati all’arte e alla musica ispirata alle tele astratte di Alberto di Fabio, artista italiano di fama internazionale. Si potrà inoltre partecipare a inediti ed imperdibili laboratori olfattivo-sensoriali.

shutterstock_253007959L’evento si aprirà il 2 dicembre alle ore 20.00 con una cerimonia di premiazione dei migliori produttori della Regione Lombardia, presenti nell’ultima edizione dell’Annuario Dei Migliori Vini Italiani 2017: una delle più belle ed esaustive pubblicazioni sul mondo del vino italiano, firmata dall’organizzatore della serata. Un libro che si può trovare già da fine novembre in distribuzione nelle migliori librerie del Paese, un regalo perfetto a Natale per gli amanti del vino italiano.

Sarà proprio Luca Maroni a condurre il pubblico verso un’esperienza di degustazione che, seguendo il suo affascinate Metodo di Degustazione, permetterà di fare un viaggio poetico ed emozionante verso la scoperta di tutte le tracce sensoriali calici di vino più pregiati.

 

“EAT RESTAURANT”: A MILANO L’ALTA CUCINA ARRIVA IN OSPEDALE

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Pasto in ospedaleA Milano l’alta cucina arriva in ospedale: ad aprile, nella casa di cura “La Madonnina” – del Gruppo ospedaliero San Donato – ha aperto i battenti l’EAT Restaurant, il primo ristorante che porta in corsia le creazioni firmate dai giovani chef stellati dell’JRE (Jeunes Restaurateurs d’Europe), prestigiosa associazione che riunisce i nomi più promettenti del panorama culinario internazionale. A promuovere l’iniziativa Paolo Rotelli, presidente del Gruppo ospedaliero San Donato (GSD), insieme a Gilda Gastaldi, fondatrice del progetto EAT Alimentazione Sostenibile, lanciato nel 2009 dal GSD, che porta i principi dell’alimentazione sana all’interno di scuole e mense aziendali. Continua a leggere

L’OMAGGIO MILANESE AL “CANCELLIERE DI FERRO”: GLI ASPARAGI ALLA BISMARCK

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Asparagi alla BismarckSono dedicati ad uno dei più celebri personaggi della storia tedesca gli “Asparagi alla Bismarck”, lessati al dente e accompagnati da una spolverata di grana, da un uovo al tegamino e da un pizzico di pepe. Eppure, a dispetto del nome, le loro origini non sono da ricercare in Germania, ma nella nostra Penisola, in particolare nelle campagne lombarde: non a caso vengono chiamati anche “Asparagi alla milanese” e sono una presenza fissa nei ristoranti meneghini, che li servono come antipasto o secondo, tra le più famose specialità locali come il risotto allo zafferano, la cotoletta o l’ossobuco. Continua a leggere

LA CASSOEULA, UN’ISTITUZIONE DELLA CUCINA LOMBARDA

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Bottaggio o cassoeula  con polenta giallaIl 17 gennaio, giorno dedicato a Sant’Antonio Abate, nelle case di Milano, della Brianza, del Comasco e del Pavese non può mancare un bel piatto di Cassoeula, il sostanzioso stufato di verza e carne di maiale, di cui si utilizzano le parti meno nobili (costine, cotenne, zampetti, orecchie), insieme alla luganega – la famosa  salsiccia monzese impastata con spalla e lombo, grana padano, brodo di carne e marsala – e ai verzini – salamini fatti con lo stesso impasto delle salsicce, ma secchi. È una pietanza umile della tradizione contadina lombarda, ma che ha conquistato anche palati sopraffini come quello di Arturo Toscanini, che ne era particolarmente ghiotto: considerata una delle ‘istituzioni’ culinarie della regione, nei ristoranti e dalle trattorie milanesi è una presenza fissa e compare accanto ad altri capisaldi della cucina locale, come il risotto allo zafferano e l’ossobuco. La consuetudine di mangiarla in occasione della festa di Sant’Antonio è antica: in passato, infatti, gennaio era il mese che segnava la fine della macellazione dei maiali e anche il migliore per consumare la verza, che con le prime gelate invernali ‘prendeva il ghiaccio’, diventando più tenera. Continua a leggere

AL POLICLINICO DI MILANO MENU A KM ZERO, RISO E LATTE DALLE TERRE DELL’OSPEDALE

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Dai campi che circondano Milano alle mense del Policlinico, senza intermediari. Il riso e il latte che da due settimane vengono distribuiti ai pazienti dell’ospedale lombardo sono quelli prodotti nelle antiche cascine che sorgono sui terreni di proprietà della struttura, come avveniva nel XVIII secolo, quando dai possedimenti rurali del Mangiagalli – una superficie di 85 milioni di mq il cui valore attualmente è stimato tra i 500 e gli 800 milioni di euro – proveniva cibo a sufficienza per sfamare non solo le persone ricoverate, ma anche i tanti bisognosi della città. Continua a leggere

NON CHIAMATELI POLPETTE: I MONDEGHILI MILANESI

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Piccoli e invitanti bocconcini di carne tritata, pane e formaggio grattugiato, fritti nel burro. Ma non chiamateli polpette. I mondeghili sono tra le più golose specialità della cucina milanese: nati come piatto di riciclo, per recuperare il bollito misto o l’arrosto avanzato dal pranzo della domenica o dei giorni di festa, sono ricavati mescolando la carne ben fredda con uova, salsiccia sminuzzata, una michetta rafferma – il tipico panino lombardo soffiato, diffuso nel resto d’Italia col nome di rosetta – ammorbidita nel latte, un trito di aglio e prezzemolo, grana padano grattugiato, sale, pepe e un pizzico di noce moscata. Continua a leggere

IL MINESTRONE ALLA MILANESE, BUONO TUTTO L’ANNO

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Gustato fumante è l’ideale per scaldarsi nelle giornate d’inverno, ma è ottimo anche in estate, servito freddo o tiepido. Il minestrone alla milanese è una ricetta che segue l’avvicendarsi delle stagioni, Continua a leggere