Archivi tag: pasta fresca

LE UOVA NON SONO TUTTE UGUALI

shutterstock_195673823Le uova sono un alimento importante nella dieta quotidiana perché ricche di proteine. Un uovo medio fornisce 6,5 grammi circa di proteine e il fabbisogno quotidiano globale medio si aggira intorno ai 60-70 grammi, sono inoltre piuttosto semplici da digerire quindi adatte a bambini e ad adulti.

shutterstock_483204463In vendita si trovano numerose qualità di uova ed è importante saper scegliere le più indicate per le  proprie preparazioni. Se si vuole fare, ad esempio, la pasta fresca e ottenere un risultato di un giallo intenso è consigliabile utilizzare le uova con un tuorlo particolarmente giallo. La colorazione del tuorlo dipende dall’alimentazione delle galline, le uova dal tuorlo quasi arancione solitamente sono alimentate prevalentemente di mais. Il colore del guscio invece è legato esclusivamente a fattori genetici. Alcune razze producono uova dal guscio bianco, altre marroncine come quelle che troviamo più comunemente nei nostri supermercati.

Per la preparazione delle torte invece è importante prestare attenzione alla dimensione delle uova. In vendita, infatti, si trovano quattro diverse taglie. Le uova della categoria XL pesano dai 73 grammi in su, il peso delle L varia dai 63 ai 73 grammi. Le uova di dimensioni medie (M) oscillano tra i 53 e i 63 grammi; le uova di taglia S, infine, pesano meno di 52 g. Differenze che possono essere importanti per ottenere un buon risultato, per questo spesso nelle ricette per i dolci, in cui la quantità di uova è particolarmente importante, spesso viene suggerito il peso in grammi e non il numero di uova necessarie.

shutterstock_244693852Capire se le uova che abbiamo nel frigorifero sono ancora fresche è semplicissimo, è sufficiente metterle in un bicchiere, di acqua se l’uovo si appoggia sul fondo è freschissimo, invece meno l’uovo è fresco più si avvicina alla superficie e se arriva addirittura a galleggiare è consigliabile non mangiarlo e non utilizzarlo nella preparazione di una ricetta per non rischiare di rovinare tutto.

LA RICETTA DELLE DOMENICHE SALENTINE: SAGNE ‘NCANNULATE CON POMODORO E RICOTTA FORTE

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Sulle tavole del Salento non è domenica senza le sagne ’ncannulate! Una pasta fresca dalla forma di una lunga striscia attorcigliata, nata in tempi lontani dall’ingegno e dall’abilità dei pastai pugliesi, che la prepararono per la prima volta come omaggio a San Giuseppe, riproducendo con acqua e farina i trucioli di legno presenti nelle botteghe di falegnameria. Continua a leggere

CON LA ‘NDUJA O ALLA TROPEANA, I FILEJA, LA PASTA DELLA CALABRIA

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

www.med-food.it

www.med-food.it

In Calabria dici “pasta” e pensi ai fileja. Punto. Simili ai fusilli della lunghezza di circa dieci centimetri – ricordano le trofie liguri, ma sono più corposi e grossi –, vengono lavorati soltanto con acqua tiepida, un pizzico di sale e semola di grano duro, che rispetto alla farina di grano dà alla pasta una maggiore corposità e la rende perfetta per amalgamarsi con i sostanziosi condimenti della cucina calabrese. Originari della provincia di Vibo Valentia, nel periodo estivo sono ottimi da gustare anche come base di paste e piatti freddi o in insalata. Si trovano praticamente ovunque nei menù dei ristorantini, delle tavole calde e delle gastronomie delle più note località turistiche come Tropea, Zambrone o Pizzo Calabro. Continua a leggere

LE FETTUCCINE ALLA PAPALINA, LA PASTA DI PIO XII

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Fettuccine alla papalinaFettuccine tirate a mano, uova sbattute, prosciutto crudo, burro, cipolla e abbondante Parmigiano Reggiano grattugiato. Sono gli ingredienti della “Pasta alla papalina”, un’istituzione della cucina romana, diffusissima e apprezzata nell’intera Penisola. Accanto ad altri celebri e sostanziosi primi della tradizione laziale, come gli spaghetti alla carbonara, i tonnarelli cacio e pepe, i bucatini all’amatriciana e i rigatoni con la pajata (l’intestino del vitellino da latte), questa specialità è tra i principali “cavalli di battaglia” delle tipiche osterie di Trastevere, Testaccio, Sant’Angelo e degli altri Rioni della Capitale, che la servono insieme ad un buon bicchiere di vino dei Castelli. Continua a leggere

LA ROMANTICA CENA DI SAN VALENTINO È “MADE IN ITALY”

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Cena di San Valentino

I carciofi, i gamberi e i legumi, le spezie e l’intramontabile cioccolato, persino la verza e il cavolfiore, che fino a qualche anno fa non avremmo mai immaginato di assaporare durante un romantico tête-à-tête. Saranno loro i protagonisti delle cenette che le coppie della Penisola si concederanno per la festa degli innamorati. Continua a leggere

I CAPPELLACCI DI ZUCCA VIOLINA DI FERRARA

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

cappellacci di zucca violinaNon solo lasagne, tortellini e tagliatelle al ragù. Nella variegata tradizione della pasta fresca in Emilia-Romagna, accanto a questi succulenti primi ne compare uno delicatissimo, fatto di ingredienti poveri ma nato negli ambienti nobili della Ferrara rinascimentale: i cappellacci di zucca. Questi grossi tortelli ripieni di zucca sono tra i piatti più rinomati e apprezzati della gastronomia ferrarese; ne eguagliano la fama soltanto l’anguilla di Comacchio, la salama da sugo e il celebre panpepato natalizio. Continua a leggere

UNA PASTA “DI UN CERTO SPESSORE”

[vc_column_text width=”1/1″ el_position=”first last”]

Maccheroni alla chitarra

Grossi spaghetti del diametro di due o tre millimetri, che grazie al loro spessore “accolgono” alla perfezione il sugo e soddisfano il palato. I maccheroni alla chitarra o “carrati” sono una specialità della cucina abruzzese, preparati con 100 grammi di farina, un uovo e un pizzico di sale, come la classica pasta fresca all’uovo; Continua a leggere